Il Sudan abolisce la rigida legge islamica

caret-down caret-up caret-left caret-right
Il Sudan sta abolendo la legislazione che criminalizzava l'apostasia con la morte e permetteva alla polizia di frustare la gente in pubblico. Ai non musulmani sarà permesso di bere, importare e vendere alcolici, a seguito dell'adozione della riforma del disegno di legge del sistema giuridico del 2020.

Sotto il regime islamico del presidente spodestato Omar Al Bashir, le leggi sull'apostasia sono state usate per denunciare i musulmani che criticavano la loro fede, o per sposare un non musulmano.

Le nuove leggi permetteranno anche ai non musulmani, una minoranza stimata al 3 per cento in Sudan, di bere, importare e vendere alcolici. Si dice che i musulmani siano ancora puniti se vengono sorpresi a bere alcolici. Il consumo di alcolici è severamente proibito in Sudan dal settembre 1983, quando il presidente Jaafar Nimeiri introdusse la legge islamica (Sharia) nel Paese.

È stato adottato il disegno di legge per il 2020 sulla riforma del sistema giuridico e giudiziario. La seconda legge firmata dal presidente del Sovrano Consiglio sudanese, il tenente Gen Abdelfattah El Burhan, è il Fundamental Rights and Freedoms Act 2020, che prevede riforme nel campo dei diritti umani e delle libertà abolendo o modificando gli articoli di diverse leggi, compresi quelli che riguardano la dignità delle donne, come le mutilazioni genitali femminili (MGF) o il permesso ufficiale di cui le donne hanno bisogno dai loro mariti per viaggiare fuori dal Sudan con i loro figli.

Il Ministero della Giustizia ha dichiarato che questi passi sono considerati essenziali per ripristinare la giustizia in Sudan e rispettare gli standard giudiziari internazionali.
Posted in Indagine, informatore, Innovazione and tagged .