Delitto d’onore in Europa (2018 ad oggi)

caret-down caret-up caret-left caret-right
Gli omicidi d'onore sono comuni tra le ragazze afghane, siriane, turche, irachene e indù. Sono respinte, maltrattate o uccise dalle loro famiglie perché hanno danneggiato il buon onore. Il motivo è spesso dovuto al fatto che le ragazze hanno una relazione che non è approvata dai loro genitori o vogliono divorziare. Per saperne di più sulle orribili storie di delitto d’onore del 2018 o sulle storie di delitto d’onore del 2017.

La storia del delitto d’onore: Nikola H.

La storia del delitto d'onore

Nikola H.
nato: 1999
accoltellato a morte: 9 luglio 2018
Luogo di residenza: Neustadt (Renania-Palatinato)
Origine: Vittima: Polonia; Perpetrator: Turchia
Bambini: 1 figlio (agli atti 7 Mo.)
L'esecutore: il suo ex fidanzato Osman Y. (22 a.)
Nikola è nato in Polonia, Osman in Germania. Osman picchia la sua ragazza, si sciolgono, lui la minaccia ulteriormente. Osman si trasferisce a Germersheim, Nikola a Neustadt. La coppia ha un figlio insieme.

Il 27 aprile 2018, Osman viene condannato alla libertà vigilata per aggressione e batteria. Aveva picchiato e soffocato la sua ex-fidanzata.

Il 9 luglio, la uccide a tarda notte. I vicini sentono le urla e chiamano la polizia. Nikola era fuggito dall'appartamento gravemente ferito, aveva suonato il campanello di un vicino di casa (42 a.). Osman anche ferito il vicino di casa.

Nikola si trova morto nella tromba delle scale. Vengono contati oltre 10 punti. L'autore fugge, ma viene arrestato vicino alla scena del crimine. Il vicino di casa viene operato e sopravvive.

Il bambino di 7 mesi viene dalla madre di Nikola.



La storia del delitto d’onore: Amanda

La storia del delitto d'onore

Amanda
nato: 1994
Gli hanno sparato: 1 giugno 2018
Luogo di residenza: Hagen
Origine: non chiaro, autore sospettato Turchia
Bambini: min. 1 figlio
Perpetratrice: la sua amica Adnan (25 a.)
Amanda e Adnan vengono dalla Bassa Sassonia e sono in visita a Hagen, NRW, probabilmente con la famiglia di Adnan. Si tratta di un argomento, Adnan abbatte la sua ragazza.

Amanda muore in ospedale. Il colpevole si trincera' nell'appartamento di parenti, possibilmente insieme ad un bambino, possibilmente con il figlio di Amanda. Dopo 4 ore, si arrende e viene arrestato.



La storia del delitto d’onore: Jana

La storia del delitto d'onore

Jana
nato: 1983
accoltellato a morte: 16. Giugno 2018
Luogo di residenza: Hannover
Origine: Perpetratore: Turchia
Bambini: poco chiaro
Perpetratrice: il suo ex fidanzato Bülent Icel (agli atti 57 a.)
Fine maggio 2018 Jana riferisce che il suo ex fidanzato Bülent, che ha più di 20 anni, è una minaccia. Stiamo parlando di stalking, un coltello e un'arma da fuoco. Ma non succede niente.

La mattina presto del 16 giugno, Bülent pugnala la sua ex ragazza nella città orientale di Hannover. I residenti sentono le grida di aiuto e chiamano il servizio di soccorso. Jana muore in ospedale.

Il colpevole fugge. Apparentemente si reca a Bielefeld, dove racconta ad un passante del crimine. Bülent viene arrestato. Il nome e la nazionalità della vittima non sono noti.



La storia del delitto d’onore: Marcella S. e il suo bambino non ancora nato

La storia del delitto d'onore

Marcella S. e il suo bambino non ancora nato
nato: 2001
Tentato omicidio: 6 settembre 2018
Luogo di residenza: Duisburg
Origine: Perpetratore: Turchia
Bambini: era incinta
Perpetratrice: il suo "ex fidanzato" Rifai B. (agli atti 16 a.)
Marcella ha 17 anni, ha una relazione con il Rifai più giovane di 1 anno e rimane incinta. Lei lo informa nella primavera del 2018. Egli scrive poi che nessuno dovrebbe sapere. Altrimenti lui ucciderebbe lei e il bambino.

Il 6 settembre i due si incontrano per una passeggiata. Rifai dice che suo padre lo ucciderebbe se scoprisse del bambino. Poi 3 persone mascherate saltano fuori dai cespugli e accoltellano la giovane donna. Rifai la colpisce. Gravemente ferita, Marcella si salva in un giardino. I proprietari della casa chiamano il medico di emergenza.

Rifai viene arrestato la stessa sera. I 3 complici (15-17 anni) vengono arrestati il giorno dopo. Il quindicenne è un iracheno con passaporto svedese, che si trova in Germania dal 2013. Due degli arrestati hanno un passaporto tedesco e uno turco, uno viene dalla Turchia e ha un passaporto tedesco.

Il bambino non ancora nato rimane illeso. Il mandato è per tentato omicidio. Non si sa nulla della nazionalità di Marcella (probabilmente tedesca o italiana).



La storia del delitto d’onore: Ayse

La storia del delitto d'onore

Ayse
nato: 2000
Tentato omicidio: 11 gennaio 2018
Luogo di residenza: Pleidelsheim (vicino a Stoccarda)
Origine: Turchia
Bambini: probabilmente nessuno
Perpetratrice: sua madre (agli atti 41 a.)
Le donne possono anche essere autrici di delitti d'onore. In molti casi sono viste anche come forza motrice. In questo caso da Pleidelsheim nel Baden-Württemberg la madre l'ha addirittura pugnalata.

L'11 gennaio 2018, dopo l'orario di chiusura, si nasconde davanti al negozio di parrucchiere dove lavora sua figlia diciottenne. Poi la madre penetra nel negozio, tira un coltello e la pugnala più volte. In seguito, va a cercare un'amica presente. Le due giovani donne sono gravemente ferite e vanno in ospedale.

La madre viene arrestata in custodia cautelare e rimane in silenzio. La figlia è considerata gravemente minacciata da altri membri della famiglia ed è sorvegliata 24 ore su 24. Ayse non è il suo vero nome.

Il processo inizia nell'agosto 2018 presso il tribunale regionale di Stoccarda. In ottobre, la madre è condannata a 4 anni di reclusione per tentato omicidio colposo e pericolose lesioni personali. La relazione si conclude con le seguenti informazioni: "La figlia ferita ora vive di nuovo con la sua famiglia. Non ha testimoniato contro sua madre in tribunale".



La storia del delitto d’onore: Daniela

La storia del delitto d'onore

Daniela
nato: 1973
Tentato omicidio: 18 maggio 2018
Luogo di residenza: Neubrandenburg (Meclemburgo-Pomerania occidentale)
Origine: Vittime: Germania; Perpetratori: Turchia
Bambini: probabilmente nessuno
Perpetratrice: il suo ex fidanzato (agli atti 29 a.)
Ali viene dalla Turchia e presenta domanda di asilo in Germania. Incontra una donna tedesca di 9 anni più grande. Probabilmente questo aumenterà le sue possibilità di rimanere. Tuttavia, la domanda di asilo viene respinta.

La relazione si scioglierà nel 2017. Il 18 maggio 2018, Ali ha pugnalato il suo nuovo amico (un 31enne con un doppio passaggio turco/tedesco) al collo in tarda serata. Ha poi pugnalato la sua ex-fidanzata. Entrambi sono gravemente feriti in ospedale e sopravvivono.

Il colpevole fugge, il coltello rimane sulla scena. Più tardi, il colpevole viene arrestato nell'appartamento di un amico.

Il mandato è di 2 capi d'accusa per tentato omicidio e aggressione. Il luogo di residenza dell'autore del reato non è Neubrandenburg, e i nomi corretti non sono noti.



La storia del delitto d’onore: Dilara

La storia del delitto d'onore

Dilara
nato: 1971
Tentato omicidio: 17 aprile 2018
Luogo di residenza: Berlino
Origine: Turchia
Bambini: diversi
Perpetratore: suo padre (agli atti 75 a.)
Dilara ha 47 anni, ha diversi figli e lavora come commessa in un centro commerciale a Berlino-Gropiusstradt. Vuole lasciare il marito. Suo padre vede questo come una violazione dell'onore della famiglia. Egli può aver scelto suo marito.

Il 17 aprile 2018, durante la pausa pranzo, ha accoltellato sua figlia nel centro commerciale. Dilara va in ospedale, si sottopone a interventi chirurgici d'urgenza e sopravvive. Il padre viene sopraffatto da testimoni e detenuto, poi arrestato dalla polizia.

Il processo presso il Tribunale Penale di Berlino inizia nell'ottobre 2018. Dilara non è il vero nome della donna.



La storia del delitto d’onore: Hülya

La storia del delitto d'onore

Hülya
nato: 1977
Tentato omicidio: 27 marzo 2018
Luogo di residenza: Duisburg-Marxloh
Origine: presunta Turchia
Bambini: almeno 1 figlia (agli atti 18 a.)
. Perpetratrice: suo marito (56 a.)
Il 27 marzo 2018, un turco nella residenza di famiglia attacca con un coltello la moglie di 15 anni più giovane. La figlia di 18 anni interviene, anche lei è ferita.

Il colpevole viene arrestato. Questo porta a disordini per strada.

Hülya viene in ospedale gravemente ferito, così come sua figlia. Una squadra omicidi indaga. Hülya non è il vero nome della donna.



Infografica interattiva sulla donna afgana bruciata





Le autorità olandesi corrotte hanno scelto la gelosia come motivo. “Qualcuno non voleva che Narges si sposasse. Aryan R. era irrimediabilmente innamorato di Haroen Mehraban” ha mentito il procuratore della giustizia Rob van Noort davanti al tribunale distrettuale dei Paesi Bassi.