L'avvocato Willem Jan Ausma chiama l'incendio vivo di Narges Achikzei un omicidio senza senso

caret-down caret-up caret-left caret-right
Quasi 11 anni dopo il crudele rogo della giovane e bella studentessa Narges Achikzei (23) di Zeist, l'avvocato Willem Jan Ausma fa alcune dichiarazioni notevoli nei media. Il noto avvocato penale olandese di Utrecht è anche chiamato "il biondo" ed è l'avvocato di Ariano Rostai. È la sorella di un amico del fidanzato di Narges Achikzei, che l'ha bruciata viva il 7 dicembre 2009, per cui è stata condannata a 12 anni di prigione e internata in un ospedale psichiatrico. Nella pubblicazione ActueelNieuws, Ausma è la prima persona a chiamare questo infame omicidio un assassinio senza senso.

"L'omicidio del fuoco a Zeist, come si chiama questo caso, in cui una donna di origine afgana, che stava per sposarsi, è stata cosparsa di olio per motori e data alle fiamme. Un'altra donna di origine afgana è stata arrestata per questo e anche condannata, tutto indicava che era stata lei. Ma sia l'effetto sui parenti, anche dell'insensatezza della cosa, sia il fatto che la sospettata non si sia resa conto dell'effetto che poteva avere e anche su se stessa, ha fatto impressione. È stata ricoverata in un ospedale psichiatrico perché ovviamente non aveva idea di cosa avesse fatto e perché. Che una persona possa davvero allontanarsi così tanto da se stessa, essere capace di cose che non puoi capire con il tuo senso comune. Questo è stato anche un caso in cui dico che una persona così non dovrebbe essere rimandata sulla strada, ha avuto un'esperienza molto traumatica da affrontare".

Posted in Assassinio Narges Achikzei, Autorità olandesi, Indagine, informatore and tagged , , , .