Rapporto febbraio 2021

caret-down caret-up caret-left caret-right
In Turchia, la lotta per fermare il femminicidio sta entrando nel suo decimo anno. La piattaforma Noi Fermeremo il Femminicidio ha divulgato i dati sui femminicidi da quando ha sensibilizzato l'opinione pubblica sulla necessità nel 2010. Il ministero, che è responsabile della divulgazione dei dati, deve dichiarare strutturalmente quante donne sono state uccise, perché, come e da chi. Secondo la Convenzione di Istanbul, lo stato deve divulgare le statistiche, solo dopo anni vediamo che il Ministero degli Interni inizia a divulgare i dati come risultato della nostra lotta. Oltre a spiegare la realtà del femminicidio e delle morti sospette delle donne, lo stato deve mettere in pratica soluzioni concrete per fermare il femminicidio. Continueremo a lottare per attivare tutti i ministeri competenti e tutti i meccanismi per realizzare questo compito.

28 donne sono state uccise da uomini nel febbraio 2021, 12 donne sono state trovate morte in circostanze sospette.

Il motivo di 15 omicidi di donne non può essere accertato

Questo mese sono stati commessi 28 femminicidi, con 12 donne trovate morte in circostanze sospette. Il motivo dell’omicidio di 15 delle 28 donne non ha potuto essere determinato: 3 donne sono state uccise per motivi economici, 10 donne sono state uccise perché volevano decidere della propria vita, come voler divorziare, rifiutare di fare la pace, rifiutare di sposarsi ed entrare in una relazione. Il fatto che non sia stato possibile accertare il motivo degli omicidi di 15 donne è dovuto al fatto che la violenza contro le donne e gli omicidi delle donne sono stati resi invisibili. Se non si stabilisce da chi e perché le donne sono state uccise, se non c’è un processo equo, se i sospetti e gli assassini non vengono condannati come deterrente e se non si prendono misure preventive, la violenza contro le donne continuerà.

Da chi sono state uccise le donne?

Delle 28 donne assassinate a febbraio, 14 sono state uccise dall’uomo con cui erano sposate, 6 dall’uomo con cui stavano, 4 da conoscenti, 2 dal fratello, 1 dal figlio. Di 1 donna non è stato possibile determinare chi fossero gli autori.

Le donne sono state uccise più spesso nelle loro case

16 donne sono state uccise nelle loro case, 5 sono state uccise in mezzo alla strada, 1 è stata uccisa in una macchina, 1 è stata uccisa al lavoro e 1 è stata uccisa in una villa, 1 è stata uccisa in un hotel, 1 è stata uccisa in una zona deserta e 1 in un deposito di carbone. Il luogo di morte di 1 donna non poteva essere determinato. Il 57% degli omicidi di donne commessi questo mese sono stati commessi nelle loro case.

Le donne sono state uccise principalmente con armi da fuoco.

13 di loro sono state uccise con armi da fuoco, 9 con strumenti da taglio, 4 per annegamento, 1 con un colpo con una mazza e 1 con un manubrio.

Der Beschäftigungsstatus von Frauen kann immer noch nicht ermittelt werden.

La condizione occupazionale delle donne non può ancora essere determinata.

È molto difficile determinare la condizione occupazionale delle donne. Crediamo che questi importanti dati dovrebbero essere considerati anche dai membri della stampa. Secondo i dati rilasciati dal TUİK questo mese, il numero di donne che fanno “lavoro domestico” è diminuito di 1 milione 968 mila rispetto all’anno precedente. Così, secondo TUİK, il numero di donne che non sono nemmeno contate come parte della forza lavoro nel novembre 2020 è di 9 milioni 773 mila. La spiegazione del TUİK di presentare i dati in questo modo è quella di cercare di oscurare la vera entità della disoccupazione femminile. Le donne che non sono incluse o sono rimosse dalla forza lavoro diventano più vulnerabili ai pericoli della discriminazione di genere, della violenza e del femminicidio. Secondo i dati disponibili, 7 delle 28 donne assassinate a febbraio erano note per essere impiegate, ma 21 avevano uno status occupazionale sconosciuto.

Non permetteremo che il femminicidio venga coperto, vogliamo che la Convenzione di Istanbul venga attuata

Lo scorso settembre, Sevginur Aktaş è stata ferita alla testa con una pistola, e l’uomo con cui era sposata ha dichiarato che aveva tentato il suicidio. Sevginur è uscita dalla terapia intensiva e nella sua dichiarazione ha detto: “Mio marito ha detto: ‘Non divorzieremo’, e mi ha sparato. “Se Sevginur Aktaş non avesse potuto lasciare il reparto di terapia intensiva, il colpevole avrebbe cercato di coprire l’omicidio dicendo che era un suicidio. Sempre questo mese, il campione di DNA di Ümitcan Uygun corrispondeva al DNA nel corpo di Aleyna, che ha picchiato a morte Aleyna Çakır in una trasmissione in diretta e contro il quale Aleyna aveva già una denuncia pendente, non era nemmeno considerato un primo sospettato. Vogliamo che il processo sia condotto in modo efficace e che si scoprano i fatti sulla morte di Aleyna Çakır.

I colpevoli stanno rendendo sospetti gli omicidi delle donne, stanno cercando di nascondere gli omicidi. Gli omicidi delle donne vengono coperti non indagando e perseguendo efficacemente ed etichettando gli omicidi delle donne come suicidi, morti naturali o incidenti. Le donne vengono uccise perché vogliono prendere una decisione sulla loro vita. Anno dopo anno, cerchiamo di portare alla luce gli omicidi di donne. Come abbiamo denunciato l’omicidio di Şule Çet, riaperto il caso di Aysun Yıldırım, e combattuto e continuato a combattere per Aleyna Çakır; come abbiamo fatto tutto, non lasceremo che nessun femminicidio venga insabbiato, lasceremo che la Convenzione di Istanbul venga applicata!

Le agenzie governative che non intraprendono alcuna azione per denunciare i femminicidi o proteggere le donne stanno mobilitando tutto il loro potere per fermare l’azione degli studenti universitari contro l’ingiustizia. La lotta degli studenti di Boğaziçi contro il rettore nominato dal presidente continua. 9 studenti non sono ancora stati rilasciati. La maggior parte degli studenti che sono stati rilasciati sono agli arresti domiciliari con le cavigliere. Le autorità che sostengono che non ci sono abbastanza cavigliere per gli abusatori di bambini, i perpetratori di violenza contro le donne; ora possono in qualche modo fornire abbastanza cavigliere senza difficoltà, mentre tengono gli studenti del Boğaziçi agli arresti domiciliari. Agli occhi di chi è al potere, gli studenti che rivendicano i loro diritti sono più pericolosi dei perpetratori di violenza? Il governo dovrebbe usare il suo potere per combattere gli autori della violenza, non gli studenti che chiedono i loro diritti.

Nelle dichiarazioni di Erdoğan, dice di Ayşe Buğra che è una donna accademica all’università – come “moglie di qualcuno che si chiama Kavala (è in prigione per il caso Gezi)” e non usa il suo nome come risultato della sua stessa visione che non vede le donne come individui. Ha poi fatto dichiarazioni discriminatorie contro gli individui LGBTIQ+. Nessun orientamento sessuale può essere ignorato o scollegato dicendo “Non esiste una cosa come LGBTİQ+”, “lesbica o qualsiasi altra cosa”. Nella loro giusta lotta, studenti e LGBTİQ+ non sono mai soli.

Özlem Zengin ha respinto le accuse secondo le quali anche questo mese nelle carceri vengono eseguiti strip-searches e ha detto che le donne “onorevoli e morali” che sono state sottoposte a strip-searches non aspetteranno un anno ma esprimeranno immediatamente il loro disagio. Dopo le reazioni negative che ha ricevuto, ha dichiarato che sta dedicando la sua vita a difendere i diritti di tutte le donne, che siano d’accordo o meno. Zengin, che addirittura accusa le donne di abusare del diritto come la perquisizione, si contraddice quando dice che dedica la sua vita a difendere i diritti delle donne. Vorremmo ricordare che non è compito del governo accusare le donne quando sono vittime di violenza sessuale e psicologica, ma fare in modo che non siano esposte a nessuna forma di violenza.

Assemblee delle donne universitarie: sceglieremo sia il rettore che il nostro futuro

Le giovani donne, che dicono che sceglieranno sia il rettore che il loro futuro, si sono riunite poco prima dell’8 marzo. Continueremo la nostra lotta per l’uguaglianza e la libertà nei campus universitari.

Assemblee delle donne lavoratrici: Vivremo alla pari, avremo i nostri diritti

Poco prima dell’8 marzo, camminiamo con tutte le donne il cui lavoro è stato sfruttato e il cui potere lavorativo è stato comprato; per vivere alla pari, ottenere i nostri diritti e rompere il sistema di sfruttamento.

Sono state formate assemblee di donne delle scuole superiori

Questo mese, le donne delle scuole superiori hanno tenuto la loro prima assemblea, dicendo che la violenza non conosce età, così come non la nostra lotta. Di fronte alle ingiustizie che affrontano nell’istruzione, le donne delle scuole superiori hanno detto: “Nessun voto per voi”. Con la nostra lotta che cresce in tutte le età, nessuna donna sarà mai sola.

Non abituatevi al femminicidio: Questo mese abbiamo pubblicato il nostro rapporto nelle piazze

Questo mese non pubblichiamo il nostro rapporto, come facciamo di solito all’inizio di ogni mese. La gente non deve vedere i femminicidi come normali, così capirà che il numero di vittime non sono solo numeri. Non vogliamo lottare costantemente per questo nei tribunali, nei campus e nelle strade. Le autorità devono usare il loro potere per porre fine ai femminicidi ed esporre i casi di femminicidi che sono stati insabbiati.

Siamo in azione l’8 marzo per l’uguaglianza e la libertà

Come ogni anno, anche quest’anno scendiamo in strada per la Giornata Internazionale della Donna l’8 marzo. Adana, Alanya, Antalya, Ankara, Adıyaman, Aydın, Balıkesir, Batman, Bursa, Bitlis, Çorum, Denizli, Diyarbakır, Düzce, Eskişehir, Edirne, Elazığ, Gaziantep, Gebze, Isparta, Istanbul, Izmir, Kahramanmaraş, Kastamonu, Kocaeli, Kayseri, Kütahya, Konya, Kilis, Manisa, Marmaris, Mersin, Muğla, Nevşehir, Ordu, Sakarya, Samsun, Şanlıurfa, Tokat, Yalova e Berlino. Insieme riempiamo le piazze delle città con il nostro slogan “Non camminerai mai da sola”.

Stiamo espandendo la nostra lotta istituendo assemblee di donne in 81 province e in tutti i distretti. Fermeremo l’uccisione delle donne.

La 6284 e le sue conseguenze

La legge n. 6284 regolamenta molte misure come l’ordine restrittivo per i colpevoli e l’ordine di protezione per le donne vittime di violenza. Riconosce molti diritti, dall’emancipazione finanziaria delle donne al cambiamento della loro identità. La legge n. 6284, che è entrata in vigore come risultato di anni di lotta da parte delle organizzazioni femminili, è in grado di proteggere le donne se applicata efficacemente. La legge n. 6284, che mirava a proteggere le donne e a prevenire la violenza, è diventata possibile dopo la firma della Convenzione di Istanbul.

Anche se non è noto se 26 donne vittime di femminicidio avessero o meno un ordine restrittivo, solo 2 donne sono note per aver presentato una domanda in tribunale, come una denuncia alla polizia, un procedimento di divorzio, un ordine restrittivo o un ordine di protezione.

Anche se le donne avevano ordini di protezione e richieste di tribunale, sono state uccise da uomini. Le forze dell’ordine non hanno preso in considerazione le denunce delle donne, e le procedure di indagine e di accusa che non sono state eseguite sono costate la vita alle donne.

Nel caso di Pınar Gültekin, è stato deciso che Mertcan Avcı è stato riconosciuto colpevole di favoreggiamento dell’omicidio, con conseguente espulsione, Metin Avcı rimane in custodia.

Nel caso dell’omicidio di Fatma Şengül, lo “sconto per ingiusta provocazione” dato all’imputato è stato rimosso. È stato punito per il reato di omicidio intenzionale senza alcuno sconto.

G.A. fu gravemente ferita in una sparatoria dall’uomo che era sposato con lei. L’autore è stato preso in custodia quando ha cercato di fuggire.

Kardelen Lofçalı, 19 anni, è stata accoltellata dall’uomo da cui ha divorziato, sta lottando per la sua vita.

Saliha Duran è stata pugnalata al cuore da suo figlio e sta lottando per la sua vita.

Fatma Bebek, che è stata vittima di violenza da parte dell’uomo che ha sposato ad Adana, ha tentato il suicidio. Ha detto: “Picchiava anche i miei figli e non potevo sopportarlo, volevo morire”. Il trattamento di Fatma è attualmente in corso.

8 mesi fa, il corpo morto di Irakranur Tirsi è stato trovato a 7 km da casa sua. Lo zio quattordicenne ha detto di aver ucciso Irakranur.

È stato rivelato che Leyla Aydemir, 4 anni, dichiarata morta qualche tempo dopo la sua scomparsa, era stata vittima di abusi sessuali. Anche se il rapporto dell’autopsia è uscito nel 2018, i campioni di DNA dei sospetti non sono ancora stati raccolti oggi.

Nel caso di Saniye Çetin, assassinata 11 anni fa, l’assoluzione dei sospetti è stata respinta. I 7 sospetti sono stati nuovamente processati e condannati all’ergastolo aggravato per il crimine di omicidio d’onore.

Questi esempi mostrano quanto sia importante la corretta applicazione della Convenzione di Istanbul e della legge con il numero 6284 per la protezione della vita delle donne. Per una protezione efficace delle donne, i decreti preventivi devono essere applicati, il processo deve essere seguito, ogni istituzione governativa deve difendere i diritti delle donne, e i funzionari governativi che non fanno quello che dovrebbero fare devono essere puniti.

La verità dietro le morti delle donne morte in circostanze sospette deve essere rivelata immediatamente.

Come abbiamo menzionato nei nostri rapporti, il numero di morti sospette presentate come suicidio o per cause naturali e il numero di donne trovate morte in circostanze sospette è aumentato significativamente durante la pandemia. Sfortunatamente, affrontare le morti sospette femminili può essere ancora più impegnativo degli omicidi femminili. Si deve rivelare se le donne sono state uccise per incidente, se sono state uccise a causa del loro sesso (femminicidio), o se si è trattato di suicidio, o se le donne sono state spinte al suicidio.

Ayşe Özgecan Usta, 28 anni a Zonguldak ha perso la vita cadendo dall’ottavo piano dopo una discussione con l’uomo con cui stava.

Merve Abasiyun, 19 anni, che vive a Bingöl, è stata trovata appesa per il collo nell’appartamento dove stava.

Betül Özdemir, 27 anni, una studentessa di Hatay, fu trovata appesa per il collo nella sua casa. Si è appreso che sul collo di Betül sono stati trovati segni di doppia corda.

Una donna di origine irachena ad Ankara è stata trovata uccisa dall’uomo con cui viveva nella casa in cui si era trasferita il giorno prima.

Le morti sospette di 12 donne che abbiamo scoperto a febbraio devono essere rese pubbliche immediatamente. Cosa fare è ovvio; la legge di protezione n. 6284 e la Convenzione di Istanbul devono essere effettivamente e pienamente applicate insieme a tutte le istituzioni e organizzazioni. Le indagini sui sospetti femminicidi devono essere condotte con attenzione e completate rapidamente.

Cosa è successo alle donne a febbraio?

Il Senato olandese ha approvato la proposta di emendamento costituzionale per vietare la discriminazione basata sull’orientamento sessuale.

Il presidente del comitato organizzatore dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo, Mori Yoşiro si è dimesso. Ha annunciato le sue dimissioni dopo l’aumento delle reazioni alle sue dichiarazioni contro le donne.

Papa Francesco, capo della Chiesa cattolica, per la prima volta nomina una donna come sottosegretario per le votazioni nel Consiglio dei vescovi.

In Nuova Zelanda, le ragazze ricevono assorbenti gratuiti per 3 anni. A giugno, prodotti per l’igiene femminile gratuiti saranno distribuiti nelle scuole di tutta la Nuova Zelanda come parte del programma contro la povertà.

Alla Casa Bianca viene istituito il Consiglio per le politiche di genere. La missione del Consiglio per le politiche di genere è di considerare le questioni di genere in tutte le decisioni più importanti. Il consiglio sarà rappresentato in tutti i ministeri e uffici.

Lotte per la vita di 28 donne uccise a febbraio

Canan Acer (Istanbul), uccisa a colpi di pistola dal marito Ümit Acer. Il colpevole si è suicidato poco dopo aver ucciso la moglie.

Hatice Helvacı (Istanbul), uccisa a colpi di pistola dal marito Mehmet Helvacı dopo la sua causa di divorzio. L’autore si sarebbe suicidato con la stessa arma che aveva usato per sparare alla moglie.

Türkiye El Mohammed (Muğla), 50 anni, è stata uccisa dai ladri che sono entrati in casa sua Ö.E.A e A.M, usando un coltello.

İkram Kaplan (Kırşehir), 34 anni, madre di 3 bambini, uccisa dal marito Zafer Kaplan con 27 coltellate.

Meryem Güneş (Şanlıurfa), uccisa dal suo compagno Halil Kermeli. L’autore si sarebbe suicidato in seguito con la stessa arma.

Şule Yıldırım (Hatay), 38 anni e madre di 4 bambini, il suo compagno Ercan Y. le ha tagliato la gola davanti ai suoi figli.

Saime Ü, madre di due bambini, 40 anni, residente a İzmir, è stata uccisa davanti ai suoi figli dal marito Baykent Ü. È stato riferito che il colpevole, che aveva ferito i suoi figli con un coltello, si è suicidato con lo stesso coltello.

Melek Gürler, madre di due bambini, 29 anni e residente a Istanbul, è stata strangolata a morte dal marito Mahmut Gürler con argomenti economici. Secondo quanto riferito, dopo l’omicidio, il colpevole è andato al lavoro e ha detto alla sua famiglia di non avere alcun contatto con Melek, e Melek ha ottenuto un ordine restrittivo contro il colpevole 6 mesi fa.

Zeynep İkinci, che era un’infermiera di 32 anni e viveva a Trabzon, è stata uccisa da suo marito Kamil İkinci con un’arma da fuoco. L’autore si sarebbe suicidato più tardi con la stessa arma.

Gülistan Şaylemez, 37 anni, che vive a Diyarbakır, è stata uccisa in strada da suo fratello Abdullah Şaylemez con un’arma da fuoco. Gülistan avrebbe sporto denuncia contro suo padre Abdülvehap Şaylemez e il suo parente Adil S. dicendo: “Ho paura che mio padre e Adil S. mi uccidano. Sto presentando una denuncia contro mio padre e Adil S.” e ha dichiarato di voler andare in un rifugio per donne.

Hacer Çetin, 36 anni, che vive a Kocaeli, è stata uccisa con un’arma da fuoco da Halim E., che aveva una relazione con lei, con il pretesto che lei voleva rompere con lui. Secondo quanto riferito, l’autore ha tenuto il corpo di Hacer in ostaggio per un’ora e mezza, dopo di che l’autore è stato persuaso e si è arreso.

Gamze Kaçar Bozkurt, 38 anni, madre di un bambino, che vive ad Antalya, è stata uccisa con un’arma da fuoco da Yusuf Onur Kaan Bozkurt, con cui era sposata. Più tardi si è saputo che l’autore ha cercato di uccidersi con la stessa arma.

Nur Cemil Hüseyin, 36 anni, madre di 5 figli, che vive a Gaziantep, è stata prima ferita con un oggetto tagliente da Ali Hüseyin, con cui era sposata, davanti ai suoi figli, e poi è stata strangolata a morte. Si è appreso che il colpevole è poi fuggito dalla scena del crimine.

Meral Şen, 40 anni, operaia e madre di 2 bambini, che vive a Izmir, è stata uccisa in strada con un oggetto tagliente da Erkan Ş. con cui Meral lavorava nello stesso posto di lavoro, con il pretesto che lei aveva detto alla direzione della fabbrica che il colpevole era venuto al lavoro ubriaco.

Ayşe Nazlı Kınacı, 20 anni, che vive a Izmir, è stata strangolata a morte da Taylan Özgür İmal, che aveva incontrato nel parco. Il corpo senza vita di Ayşe Nazlı è stato trovato avvolto in una coperta nella zona della foresta.

Mihrican Ekmenci, madre di due bambini, 46 anni e direttrice di un centro educativo pubblico, residente a Samsun, è stata uccisa con un oggetto tagliente dal marito Oğuz Taner Ekmenci.

Semiha Ikhadır, 38 anni, residente a Istanbul, è stata uccisa per gelosia da Majed A. che ha una relazione con lei. Si è appreso che dopo l’omicidio, il colpevole ha registrato un video e lo ha inviato al suo amico, dicendo: “Chiunque mi abbia fatto del male farà questa fine, tutti conosceranno il mio nome”.

Hatice Toğrul, che vive a Şanlıurfa, è stata uccisa con un’arma da fuoco dal marito Mehmet Toğrul. Secondo quanto riferito, il colpevole si è poi suicidato con la stessa arma.

Feride T., 72 anni, che vive a Muğla, è stata uccisa con un colpo di mazza alla testa da Ali T., con cui era sposata.

Hanife Yenisu, 46 anni, che vive a Istanbul, fu picchiata con un manubrio da Erol Yenisu, con cui era sposata, con la scusa che aveva un ordine restrittivo.

Birgül Y., 43 anni, madre di 3 bambini, che vive ad Ankara, è stata uccisa con un’arma da fuoco in strada da Hasan D. con cui aveva una relazione perché voleva rompere con lui.

Semiha Peker, 33 anni, operaia e madre di un bambino, che vive a Manisa, è stata uccisa in strada con un’arma da fuoco da Yalçın Kocataş, con il quale aveva precedentemente una relazione, con il pretesto che lei voleva tradire il colpevole. Si è appreso che Semiha aveva preso misure protettive contro il colpevole.

È stato rivelato che Güldane Biçer, madre di 3 bambini, che vive a Istanbul ed è scomparsa dal 2011, è stata uccisa con un oggetto tagliente per gelosia da Osman Bicer, con cui era sposata.

Nergiz Sarıkaya, 26 anni, madre di 3 figli, che vive ad Afyon, è stata uccisa con un’arma da fuoco davanti ai suoi figli da Ahmet Sarıkaya, con cui era sposata.

Pınar Can, 33 anni, madre di 2 bambini, che vive a Nevşehir, è stata uccisa da Halis D. con cui aveva una relazione per gelosia. Si è appreso che il colpevole è stato rilasciato dalla prigione un anno fa.

Gülsüm Berk, 53 anni, e Güler Kaya, 51 anni, che vivono a Istanbul, sono stati uccisi da Murat Berk con un’arma da fuoco. È stato poi annunciato che l’autore ha cercato di uccidersi con la stessa arma.

È stato annunciato che Samira Rashidian, 31 anni, che vive a Balıkesir ed è stata trovata morta con un sacchetto di plastica sulla testa, è stata uccisa dal suo fidanzato P.E. con motivi economici.

 

 

Cos'è un delitto d'onore?

Un delitto d'onore è un delitto d'onore in nome dell'onore. Se un fratello uccide la sorella per restituire l'onore alla famiglia, è un delitto d'onore. Secondo gli attivisti, i motivi più comuni per i delitti d'onore sono come vittima:

Domande sui delitti d'onore

  • rifiuta di cooperare in un matrimonio combinato.

  • vuole terminare la relazione.

  • è stata vittima di uno stupro o di una violenza sessuale.

  • è stato accusato di avere una relazione sessuale al di fuori del matrimonio.

Gli attivisti per i diritti umani credono che ogni anno vengano commessi 100.000 delitti d'onore, la maggior parte dei quali non vengono denunciati alle autorità e alcuni vengono persino deliberatamente coperti dalle autorità stesse, ad esempio perché i colpevoli sono buoni amici dei poliziotti, dei funzionari o dei politici locali. La violenza contro le ragazze e le donne rimane un problema serio in Pakistan, India, Afghanistan, Iraq, Siria, Iran, Serbia e Turchia.

Posted in Delitto d'onore, Indagine, informatore, Tentato omicidio and tagged , .