Testimonianza 38 su 225 nel caso di omicidio Narges Achikzei

Funzionario
La donna che è stata imprigionata alla fine di gennaio nel caso dell'omicidio di Narges Achikzei, studente contabile ventitreenne, è in custodia cautelare per novanta giorni. Questo è stato deciso la settimana scorsa dal tribunale di Utrecht. Mary Hallebeek, addetta stampa della Procura di Utrecht: "Stiamo lavorando sodo alle indagini. Novanta giorni è il periodo massimo di detenzione preventiva. Entro questo periodo, il caso penale dell'indagato deve essere stato trattato dal tribunale. Quando Narges ha aperto la porta il 7 dicembre perché le è stato consegnato un pacco, le è stato versato sopra con liquido infiammabile e dato fuoco. La sera stessa è morta per le sue ferite. Alla fine di gennaio, i media hanno prestato grande attenzione al caso. Dieci suggerimenti sono arrivati su questo punto. Nella stessa settimana l'indagato ha denunciato il caso alla polizia. A partire dal 1° settembre 2008, Narges ha iniziato a studiare contabilità nel dipartimento di economia e gestione di Fraijlemaborg. All'età di 16 anni è arrivata dall'Afghanistan come rifugiata con la sua famiglia nei Paesi Bassi, dove è stato concesso l'asilo. Narges era nota per essere una brava studentessa di contabilità. Era molto attiva durante le lezioni. Alla fine dell'anno scorso è andata a vivere da sola a Zeist. Stava per sposarsi. (AG)

Posted in Assassinio Narges Achikzei, Autorità olandesi, Indagine, informatore, Innovazione and tagged , , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *